test

Con il prolungarsi della chiusura dei Teatri la Fondazione del Teatro Grande non rinuncia a mantenere un legame continuativo con la Città. In attesa di poter accogliere nuovamente il pubblico nelle Sale, è infatti fondamentale per la Fondazione proporre iniziative di coinvolgimento non solo digitali al fine di restituire la presenza del Teatro Grande nella “quotidianità” della propria comunità, grazie alla straordinaria bellezza della musica.

Dopo il primo appuntamento del Giorno della Memoria, la Filodiffusione musicale continuerà nel mese di aprile. Il mercoledì e il venerdì, dalle ore 11.00 e dalle ore 17.00, dalla terrazza del Teatro si diffonderà una speciale selezione musicale, ideata per abbracciare acusticamente Corso Zanardelli ed emblematicamente l’intera città.

Un programma articolato in cui ritroveremo soprattutto artisti legati al nostro territorio cui si intende dedicare un dovuto omaggio: da Daniela Dessì, con arie di Puccini e Verdi, ai concerti di Arturo Benedetti Michelangeli, alla musica di Giancarlo Facchinetti eseguita dal dèdalo ensemble, fino alla divina Callas.

A celebrazione di importanti anniversari, in Corso Zanardelli risuoneranno I Concerti Brandeburghesi di Johann Sebastian Bach, composti nel 1721, e le note di Camille Saint-Saëns in occasione del centenario della morte. Un omaggio anche alla Brescia “città veneziana” con musiche di Vivaldi, Liszt, Gabrieli e uno alla musica barocca. Mozart sarà protagonista del palinsesto con una ricca selezione di Sinfonie e alcune delle più note arie tratte da Le Nozze di Figaro, Don Giovanni e Così fan tutte in esecuzioni dirette dal celebre Maestro Teodor Currentzis a cui la Fondazione del Teatro Grande dedica uno speciale focus.

Fragments è infatti un altro progetto di Currentzis in cui alcuni estratti di La Traviata vengono restituiti nella loro essenza più pura, regalando un ascolto etereo e carico di fascino.

Non mancherà infine anche l’incursione di composizioni minimaliste e contemporanee, storicamente presenti nei cartelloni del Teatro Grande, con i lavori di Steve Reich e Philip Glass.

La Fondazione si riserva di valutare l’estensione del programma anche nei mesi successivi alla scadenza del DPCM qualora i Teatri dovessero restare chiusi.


Iscriviti alla nostra newsletter

test

Con la sospensione dell’attività al pubblico la Fondazione del Teatro Grande reinventa la sua programmazione trasferendosi nello spazio televisivo e digitale.

Tutti i concerti trasmessi dai canali Classica HD e Teletutto e sulla pagina Facebook del Teatro Grande sono ora disponibili sul nostro canale Youtube.

 

Il ricco palinsesto comprende il ciclo delle Sonate per pianoforte e violino di Mozart eseguite dal duo Fulvio Luciani e Massimiliano Motterle, il concerto Stanze/Miroirs di Andrea Rebaudengo, il Recital d’Opera Carmen con le straordinarie voci di Francesco Meli, Annalisa Stroppa e Serena Gamberoni, accompagnate al pianoforte dal Maestro Alessandro Trebeschi, l’esibizione dell’Ensemble del Teatro Grande e del gruppo di jazzisti TAKE OFF. Completa il programma il Concerto di Natale eseguito dall’Ensemble Vocale e Strumentale Continuum diretto dal Maestro Luigi Azzolini.

Segnaliamo infine che l’opera Werther è  disponibile gratuitamente sulla piattaforma operavision.eu.


Iscriviti alla nostra newsletter

test

Avvisiamo il gentile pubblico che la Risoluzione N. 40/E del 15 luglio 2020 dell’Agenzia delle Entrate consente ai possessori di voucher per spettacoli annullati causa Covid-19 di poterli trasformare in donazioni Art bonus in favore degli enti già eleggibili alla misura fiscale.

I costi sostenuti per assistere agli spettacoli che sono stati cancellati a seguito del DPCM dell’8 marzo possono diventare donazioni Art Bonus se si è in possesso del voucher, di pari importo del biglietto, ottenuto con le modalità previste dal “Decreto Cura Italia” del 17 marzo 2020 e successive modificazioni nel “Decreto Rilancio” del 19 maggio 2020 o se si è deciso di non richiedere alcun tipo di rimborso.

Diventare mecenati Art Bonus rinunciando al voucher/rimborso permette di ottenere un credito d’imposta pari al 65% dell’importo pagato per l’acquisto del biglietto e spetta a tutti coloro che hanno acquistato biglietti per spettacoli di enti ammessi all’Art Bonus, come il Teatro Grande di Brescia.

L’acquirente del biglietto che rinuncia al voucher/rimborso potrà richiedere l’attestazione nella quale saranno indicati tutti gli elementi necessari per riconoscere ed individuare – nell’importo e nella causale – l’erogazione liberale a sostegno della Fondazione del Teatro Grande di Brescia, così come previsto dalla norma Art Bonus art. 1 d.l. n. 83/2014 e s.m.i.
Per ottenere l’attestazione e per consentirci la corretta compilazione della stessa è necessario compilare e inviare all’indirizzo biglietteria@teatrogrande.it l’apposito MODELLO DI RICHIESTA entro e non oltre il 19 dicembre 2020.

Per tutte le informazioni vi invitiamo a consultare la pagina dedicata.

 


Iscriviti alla nostra newsletter