test

Fulvio Luciani e Massimiliano Motterle incontrano gli studenti in una Conversazione sulla Musica in cui i due musicisti, strumento alla mano, leggono le Sonate una ad una e affrontano i grandi temi dell’interpretazione beethoveniana oggi.

L’evento si inserisce nell’iniziativa Il Teatro Grande per Scuole e Università.
Scarica l’informativa con la promozione riservata agli studenti universitari e alle classi delle Scuole secondarie di primo e secondo grado.

test

Fulvio Luciani e Massimiliano Motterle incontrano gli studenti in una Conversazione sulla Musica in cui i due musicisti, strumento alla mano, leggono le Sonate una ad una e affrontano i grandi temi dell’interpretazione beethoveniana oggi.

L’evento si inserisce nell’iniziativa Il Teatro Grande per Scuole e Università.
SCARICA QUI L’INFORMATIVA con la promozione riservata agli studenti universitari e alle classi delle Scuole secondarie di primo e secondo grado.

test

EMILIO GENTILE

1922-25. LA RIVOLUZIONE FASCISTA

Una “rivoluzione nazionale” che porta al governo una nuova classe dirigente formata principalmente dai combattenti della Grande guerra delusi dalla “vittoria mutilata”: tra il 1922 e il 1924 il programma messo in atto spregiudicatamente da Benito Mussolini e dal partito fascista trasforma un regime liberale in uno totalitario.

Emilio Gentile è professore emerito dell’Università di Roma La Sapienza.

Lo spettacolo si inserisce nell’iniziativa Il Teatro Grande per Scuole e Università. Scarica l’informativa con la promozione riservata agli studenti universitari e alle classi delle Scuole secondarie di primo e secondo grado.

test

Laboratori, installazioni, performance per l’infanzia

Il Grande per i piccoli torna a coinvolgere bambini e famiglie attraverso attività pluridisciplinari negli spazi noti e meno noti del Teatro Grande che accoglieranno esperienze creative appositamente ideate e realizzate per i bambini e gli adulti in un percorso tra arte, illustrazione, architettura, spettacolo, scienza e tecnologia.

 

Alle 17.30 in Sala grande lo spettacolo Babayaga della Compagnia TPO.

Babayaga
Nella fiaba originale “Babayaga”, una bambina è costretta ad abbandonare la propria famiglia per andare nella casa della terribile orchessa, ma nel suo viaggio saprà farsi aiutare da alcuni animali ad affrontare i pericoli. L’intuito, il coraggio e la capacità di stringere amicizie sono le risorse per affrontare una sfida che non si può vincere da soli.
Lo spettacolo mette in scena questa celebre fiaba russa in una chiave contemporanea, usando la danza, musiche originali e soprattutto le sontuose illustrazioni di Rébecca Dautremer proiettate in grande formato su tutta la scena. Lo spettacolo propone un viaggio immaginario ispirato al suo universo visivo, alle sue figure dominate dal rosso, al suo tratto colto e seducente. Da questo mondo pittorico nascono i paesaggi e i personaggi di una fiaba che vede nella figura dell’orchessa l’archetipo di una cattiveria minacciosa e inquietante ma che può essere sconfitta se si agisce uniti; è questo il messaggio morale che s’intende trasmettere. Due danzatrici, con la leggerezza di due farfalle, guidano il pubblico in un racconto senza parole, composto da paesaggi emotivi, giochi musicali ricchi di effetti scenici creati grazie all’uso, discreto e invisibile, di sensori e tecnologie interattive.

SCARICA IL PROGRAMMA COMPLETO

 

FOTO RICORDO

Clicca QUI per scaricare la fotografia scattata durante il laboratorio CARTA IN SCENA!

Clicca QUI per scaricare la fotografia scattata durante il laboratorio ALTERWORLDS

test

Opera domani è un progetto che intende avvicinare gli alunni delle scuole dell’obbligo all’opera lirica. Bambini e ragazzi sono direttamente coinvolti nella rappresentazione: intervengono cantando dalla platea alcune pagine dall’opera, eseguendo semplici movimenti e portando a teatro piccoli oggetti realizzati in classe nei mesi precedenti. Per il 2018 l’opera selezionata è Carmen.

“Carmen è una storia di amore e libertà. Le due tematiche non sono separate perché una condizione determina l’altra. Tutti i personaggi principali della vicenda sono innamorati di qualcuno. C’è un filo rosso che li lega, ma proprio l’amore sarà la causa dell’apparente tragico finale.” (Andrea Bernard)

Da Carmen. Opéra-comique in quattro quadri. Musica di Georges Bizet.
Libretto di Henri Meilhac e Ludovic Halévy.
Prima rappresentazione: Parigi, Opéra-Comique, 3 marzo 1875.
Adattamento musicale e drammaturgico in italiano a cura di AsLiCo.

Direttore Azzurra Steri
Regia Andrea Bernard
Scene Andrea Bernard, Alberto Beltrame
Costumi Elena Beccaro
Elaborazione Cori dei ragazzi Giuseppe Califano
Orchestra 1813
Nuovo allestimento
Produzione AsLiCo in coproduzione con Bregenzer Festspiele
Opera domani – XXII edizione
Progetto per la produzione di opere liriche introdotte da percorsi didattici.

test

La Fondazione del Teatro Grande di Brescia e UBI Banca promuovono l’educazione musicale attraverso la terza edizione del progetto Facciamo la Banda, realizzato con l’Associazione Filarmonica “Isidoro Capitanio” Banda cittadina di Brescia. Facciamo la Banda offre la possibilità ai giovanissimi di imparare a suonare uno strumento e
formare una nuova banda di piccoli musicisti che il 26 maggio si esibiranno sul prestigioso palcoscenico del Teatro Grande in un concerto offerto alla città.

test

Torna l’Anteprima Studenti, l’appuntamento che permette al giovane pubblico della scuola di assistere alla prova generale dell’opera inaugurale della Stagione Opera e Balletto.

La Cenerentola, nel bicentenario dalla prima rappresentazione avvenuta al Teatro Valle di Roma nel gennaio del 1817, aprirà la stagione 2017 del Teatro Grande di Brescia con un nuovo allestimento del Circuito OperaLombardia.

Il capolavoro buffo realizzato da Rossini in sole tre settimane torna sul palcoscenico del Grande, dopo sette anni di assenza, in una messa in scena che – come racconta il regista Arturo Cirillo – «si muove su un gioco di contrasti, tra l’arzigogolo del barocco e la linearità dell’architettura industriale, tra l’astrattezza della fiaba e la concretezza della sottomissione femminile. Un mondo sempre al limite del proprio “infollire”, sulle note della musica di Rossini che non danno tregua mai. Un gioco continuo di travestimenti dove alla fine vince solo chi rimane se stesso». La direzione d’orchestra dei Pomeriggi Musicali è affidata alla giovane ma già affermata direttrice Lin Yi-Chen. Le scene portano la firma di Dario Gessati, mentre i costumi sono di Vanessa Sannino e le luci di Daniele Naldi. Alla direzione del coro ci sarà il Maestro Massimo Fiocchi Malaspina. La locandina vede nel ruolo di Don Ramiro Ruzil Gatin, Lorenzo Regazzo come Don Magnifico, Clemente Antonio Daliotti nel ruolo di Dandini. Le sorelle Clorinda e Tisbe saranno impersonate da Eleonora Bellocci e Elena Serra, Alessandro Spina sarà Alidoro, mentre il ruolo di Angelina è affidato a Cecilia Molinari.

Per informazioni e prenotazioni: didattica@teatrogrande.it

test

Botanica è il nuovo spettacolo dei Deproducers, l’eccezionale collettivo musicale formato da alcuni dei più autorevoli artisti della scena musicale italiana come Vittorio Cosma, Riccardo Sinigallia, Gianni Maroccolo e Max Casacci. Dopo il successo di Planetario – che ha raccontato in musica l’universo, gli astri, la luna e le stelle – i Deproducers continuano a mettere in relazione musica e scienza per raccontare, questa volta, le meraviglie del mondo vegetale. Botanica è un progetto innovativo e coinvolgente in cui i Deproducers e il Prof. Stefano Mancuso – uno dei più importanti ricercatori botanici internazionali – attraverso canzoni e temi musicali inediti, video proiezioni originali di Marino Capitanio e scenografie di Peter Bottazzi sveleranno “i sensi” delle piante e li trasformeranno in racconto. Le piante “sentono”, provano emozioni, elaborano strategie e prendono decisioni. Chitarra, basso e tastiere si scambiano continuamente i ruoli per dare voce ai respiri delle piante, alle gocce di pioggia che cadono sulle foglie o agli animali che si muovono nella foresta.

 

test

Fulvio Luciani e Massimiliano Motterle incontrano gli studenti in una Conversazione sulla Musica in cui i due musicisti, strumento alla mano, leggono le Sonate una ad una e affrontano i grandi temi dell’interpretazione beethoveniana oggi.

test

Alessandro Sciarroni è il coreografo italiano contemporaneo più rappresentato a livello internazionale. Dopo la calorosa accoglienza ricevuta dal pubblico lo scorso ottobre, il Teatro Grande ripropone Joseph Kids in cartellone. Sciarroni ha la geniale abilità di mostrare con leggerezza e sostanza la forza indagatrice dell’artista nei confronti dell’universo infantile. Lo spettacolo fa seguito al grande successo avuto dall’artista con Joseph, il suo primo solo, che in meno di due anni è stato presentato in dieci Paesi europei ed extraeuropei. Joseph Kids è uno spettacolo che sa divertire e far riflettere, che sa far maturare l’idea di potersi muovere in uno spazio performativo in una maniera mai scontata, acquisendo maggior consapevolezza di sé e dell’altro. È un lavoro che prende in considerazione la profonda intelligenza e intuizione che ogni giovane spettatore (e possibile performer) porta con sé.

Spettacolo consigliato a un pubblico dai 5 anni in su.

Ideazione Alessandro Sciarroni
Interpreti Michele Di Stefano, Luana Milani


 

Lo spettacolo si inserisce nell’iniziativa Il Teatro Grande per Scuole e Università: Scarica l’informativa con la promozione riservata agli studenti universitari e alle classi delle Scuole secondarie di primo e secondo grado.