fbpx

test

Con Suoni d’Europa Sentieri selvaggi traccia un itinerario attraverso la creatività musicale del vecchio continente degli ultimi trent’anni: i grandi maestri del Novecento Gyorgy Ligeti, Niccolò Castiglioni e Geràrd Grisey, James MacMillan e Michael Nyman (quest’ultimo con la prima esecuzione italiana di Child’s Play). Verranno infine proposti due compositori della generazione successiva, l’olandese Michel Van der Aa e Mauro Montalbetti.

PROGRAMMA

James MacMillan Kiss on wood, per violino e pianoforte
Gyorgy Ligeti Quattro Studi per pianoforte (dal Primo Libro) – N° 2, 3, 4, 5:
2. Cordes à vides
3. Touches bloquées
4. Fanfares
5. Arc-en-ciel
Michel van der Aa Memo, per violino e registratore a cassette
Gerard Grisey Tàlea, per ensemble
Niccolò Castiglioni Romanzetta, per flauto
Mauro Montalbetti A ricompor l’infranto, per clarinetto, violoncello e pianoforte
Michael Nyman Child’s Play, per cinque strumenti (prima esecuzione italiana)

Paola Fre flauto
Mirco Ghirardini clarinetto
Andrea Rebaudengo pianoforte
Piercarlo Sacco violino
Aya Shimura violoncello
Carlo Boccadoro direzione

test

Progetto nato dalla collaborazione tra Brian Eno e Ben Frost (fondatori, assieme a Nico Muhly e Valgeir Sigurðsson del collettivo Bedroom Community), Music For Sólaris si inserisce all’interno della Mentor and Protégé Arts Initiative della Rolex ed è stato presentato all’Unsound Festival (Cracovia e New York) nel 2011.

Scritto da Ben Frost e Daníel Bjarnason, Music for Sólaris è ispirato al celebre film di Andrej Tarkovskij e al romanzo dello scrittore Stanisław Lem. In scena, oltre a Frost (chitarra elettrica e laptop) e Bjarnason (direzione e piano preparato), un’orchestra d’archi di 26 elementi e 2 percussionisti che sarà l’Orchestra da Camera di Brescia di Filippo Lama.

Alle spalle dei musicisti verranno proiettate le suggestive immagini di Solaris di Tarkovskij, manipolate e rielaborate da Brian Eno e Nick Robertson, in un parallelo visivo con il processo di esecuzione musicale.

Musiche di Ben Frost e Daníel Bjarnason

Video Brian Eno e Nick Robertson

Interpreti Ben Frost, Daníel Bjarnason e Orchestra da Camera di Brescia

Commissionato e prodotto da Unsound Festival / Fundacja Tone, Krakow, Poland

Con il supporto del Governo australiano mediante fondi artistici e promozionali dell’Australia Council for the Arts, e “I, CULTURE” – Il Programma Culturale Internazionale della Presidenza Polacca del Consiglio Europeo.

Coordinato dall’Adam Mickiewicz Institute, Polonia – e S.T.E.F, Islanda.

test

Lo spettacolo del coreografo Mourad Merzouki, re indiscusso dell’hip hop “contemporaneo” francese, nasce dalla collaborazione della Compagnie Käfig con gli artisti multimediali Adrien M/Claire B, creatori di mondi grafici astratti, esplora il delicato equilibrio tra due mondi, quello reale e quello virtuale.

Avvolti nelle proiezioni luminose i danzatori vivono un nuovo rapporto con il tempo e lo spazio, incontrano, giocano, sfondano nuovi scenari. Così la “danza di strada” incontra la tecnologia digitale e il video.

Direzione artistica e Coreografia Mourad Merzouki
Creazione digitale Adrien Mondot, Claire Bardainne
Creazione musicale Armand Amar
Assistente alla coreografia Marjorie Hannoteaux
Luci Yoann Tivoli, assistito da Nicolas Faucheux
Scenografia Benjamin Lebreton
Costumi Pascale Robin
Pitture Camille Courier de Mèré, Benjamin Lebreton


Interpreti Antonin Tonbee Cattaruzza, Elodie Chan, Aurélien Chareyron, Sabri Colin Mucho, Yvener Guillaume, Ludovic Lacroix, Ibrahima Mboup, Julien Seijo, Paul Thao, Sofiane Tiet, Médésséganvi Yetongnon Swing
Produzione: Centre Corégraphique National de Créteil
et du Val-de-Marne/Compagnie Käfig
Coproduzione: Maison des Arts de Créteil, Espace Albert Camus-Bron
Con il sostegno di Compagnie Adrien M/Claire B

test

Nel progetto Quartetto con ospite la sacralità della musica del compositore estone Arvo Pärt si accosta a Louis Andriessen, mentre collide con l’ardita ricerca sonora dell’artista statunitense Meredith Monk, di cui si presenterà Stringsongs in prima esecuzione italiana. A rappresentare la musica italiana contemporanea un brano di Carlo Boccadoro e due novità per l’ensemble: Cristian Chiappini e Silvia Borzelli, autori dell’ultima generazione.

PROGRAMMA

Arvo Pärt
Silvia Borzelli
Meredith Monk
Carlo Boccadoro
Cristian Chiappini
Louis Andriessen
Da Pacem Domine per quartetto d’archi
Further In, per pianoforte e violoncello
Stringsongs per quartetto d’archi (Prima esecuzione italiana)
Still Life per pianoforte e quartetto d’archi
Ricercare per violino e violoncello
miserere… per quartetto d’archi

ENSEMBLE SENTIERI SELVAGGI
Piercarlo Sacco
violino
Enrica Meloni violino
Paolo Fumagalli viola
Aya Shimura violoncello
Andrea Rebaudengo pianoforte

test

Per questa nuova creazione, Alain Platel ha selezionato alcune personalità che hanno già lavorato al suo fianco per altri spettacoli, come Steven Prengels a cui è affidata la direzione musicale, Hildegard De Vuyst che si occuperà della drammaturgia e Dorine Demuynck per i costumi. Lo spettacolo si ispira non solo ad alcune composizioni dell’opera di Gustav Mahler, ma anche alla sua biografia, al tempo e ai luoghi in cui ha vissuto. Sono inoltre presenti riferimenti alle tradizioni polifoniche introdotte dai cantanti congolesi di Boule Mpanya e Russel Tshiebua con cui Platel ha collaborato per lo spettacolo Coup Fatal. Un’attenzione particolare è dedicata ai problematici anni del Ventesimo secolo che portarono alle grandi crisi e tragedie delle due guerre mondiali.

La visione di questo spettacolo è sconsigliata ai minori di 14 anni. 

 

Direzione Alain Platel
Composizione e direzione musicale Steven Prengels
Creazione e performance Bérenger Bodin, Boule Mpanya, Dario Rigaglia, David Le Borgne, Elie Tass, Ido Batash, Ro-main Guion, Russell Tshiebua, Samir M’Kirech
Drammaturgia Hildegard De Vuyst
Assistenza artistica Quan Bui Ngoc
Assistenza alla Direzione Steve De Schepper
Scene Berlinde De Bruyckere
Luci Carlo Bourguignon
Suoni Bartold Uyttersprot
Costumi Dorine Demuynck
Direttore di palcoscenico Wim Van de Cappelle
Fotografia Chris Van der Burght
Direttore di produzione Valerie Desmet
Tour manager Steve De Schepper
Produzione les ballets C de la B

Coproduzione Ruhrtriennale, La Bâtie-Festival de Genève, TorinoDanza, la Biennale de Lyon, L’Opéra de Lil-le, Kampnagel Hamburg, MC93 Bobigny Paris, Holland Festival, Ludwigsburger Schlossfestspiele, NTGent, Brisbane Festival
Distribuzione Frans Brood Productions
Con la collaborazione di: Città di Ghent, Provincia delle Fiandre Orientali, Autorità Fiamminghe

 

test

Tornano gli appuntamenti domenicali con l’Ensemble del Teatro Grande coordinato da Sandro Laffranchini, primo violoncello del Teatro alla Scala. Nei giorni 4 e 11 dicembre l’Ensemble del Teatro Grande – composto dai violinisti Laura Marzadori e Daniele Richiedei, dal violista Eugenio Silvestri, dal pianista Andrea Rebaudengo, oltre allo stesso Sandro Laffranchini al violoncello – esplorerà i repertori della musica da camera affrontando anche autori contemporanei e meno conosciuti.

Laura Marzadori violino
Daniele Richiedei violino
Sandro Laffranchini violoncello
Eugenio Silvestri viola
Con la partecipazione straordinaria di Anton Dressler clarinetto

PROGRAMMA

Wolfgang Amadeus Mozart Quartetto per archi n. 21 in re maggiore, K575 scritto nel 1789

Wolfgang Amadeus Mozart Quintetto per clarinetto  e archi il maggiore K 581

test

LIEDER SPIRITUALI E MUSICA PER TASTIERA DEI BACH

Stanislava Mihalcová, soprano
Matteo Messori, pianoforte Gottfried Silbermann (1749, copia di Kerstin Schwarz Damm)

Secondo concerto della stagione dedicato alla musica barocca, in programma alle 21.00 il 5 dicembre nella splendida cornice settecentesca del Ridotto del Teatro.

Realizzato in collaborazione con le Settimane Barocche di Brescia.

PROGRAMMA:
Johann Sebastian Bach (1685-1750):
– Praeludium et Fuga in fa minore BWV 881
– Kommt, Seelen, dieser Tag BWV 479
– Komm, süßer Tod BWV 478
– Dir, dir, Jehova, will ich singen BWV 452
– Dich bet ich an, mein höchster Gott BWV 449
– O finstre Nacht, wenn wirst du doch vergehen BWV 492
– Vergiß mein nicht BWV 505

Carl Philipp Emanuel Bach (1714-1788):
– Les Languers tendres Wq 117/30
– Passionslied In Todesängsten hängst du da Wq 198/6
– Die Ehre Gottes aus der Natur Die Himmel rühmen des Ewigen Ehre Wq 194/18
– Passionslied Erforsche mich, erfahr mein Herz Wq 194/14
– Suite in mi minore Wq 62/12
Allemande – Courante – Sarabande – Menuet I, II, III alternativement – Gigue
– Prüfung am Abend Der Tag ist wieder hin Wq 194/7
– Osterlied Amen! Lob und Preis und Stärke Wq 197/4
– Trost eines schwermütigen Christen Du klagst, o Christ, in schweren Leiden Wq 194/24–25
– Am neuen Jahre Er ruft der Sonn und schafft den Mond Wq 194/45

Johann Christoph Friedrich Bach (1732-1795):
– Allegro in mi minore BR‑JCFB A95
– Lied im Frühlinge Hoch am Himmel steht die Sonne BR‑JCFB H51
– Lied im Sommer Der Sonne Glut hat wieder BR‑JCFB H52
– Allegretto in re maggiore BR‑JCFB A58
– Lied im Herbst Früh, mit umwölkten Angesicht BR‑JCFB H53
– Lied im Winter Gott winkt: so stürzen Regengüsse BR‑JCFB H54

Wilhelm Friedemann Bach (1710-1784):
– Polonaise in do minore Fk 12/1
– Fuga in do maggiore Fk 31/1
– Polonaise in mi minore Fk 12/8
– Fuga in mi minore Fk 31/6
– Cantilena Nuptiarum consolatoria Herz! Mein Herz, sei ruhig, bleibe still Fk 97

Johann Sebastian Bach:
– Ricercar a 3 BWV 1079/1

 

test

In collaborazione con l’Ente Festival Pianistico,  il concerto della Filarmonica del Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo sarà diretta dal Maestro Pier Carlo Orizio.

Il concerto vede la partecipazione del pianista Alessandro Taverna, solista già apprezzato dalla critica internazionale e che si è esibito in tutto il mondo nelle più importanti sale e stagioni musicali, tra cui recentemente con i Münchner Philharmoniker al Gasteig di Monaco e al Musikverein di Vienna, invitato da Lorin Maazel che lo ha diretto nel 3° Concerto di Prokofiev.

Pier Carlo Orizio Direttore
Alessandro Taverna Pianista

PROGRAMMA
Felix Mendelssohn                                        Le Ebridi, Ouverture op. 26
Wolfgang Amadeus Mozart                       Concerto per pianoforte e orchestra K 467
Felix Mendelssohn                                        Sinfonia n. 3 op. 56 “Scozzese”

test

Tornano gli appuntamenti con l’Ensemble del Teatro Grande coordinato da Sandro Laffranchini, primo violoncello del Teatro alla Scala. Nei giorni 4 e 11 dicembre l’Ensemble del Teatro Grande – composto dai violinisti Laura Marzadori e Daniele Richiedei, dal violista Eugenio Silvestri, dal pianista Andrea Rebaudengo, oltre allo stesso Sandro Laffranchini al violoncello – esplorerà i repertori della musica da camera affrontando anche autori contemporanei e meno conosciuti.

Laura Marzadori primo violino
Daniele Richiedei secondo violino
Sandro Laffranchini violoncello
Eugenio Silvestri viola
Con la partecipazione straordinaria di
Paolo Bonomini violoncello
Simone Briatore viola

 

PROGRAMMA

Franz Schubert  Trio per archi in un movimento D471

Johannes Brahms Sestetto per archi op.18 in si b maggiore

test

Johann Sebastian Bach
I CONCERTI BRANDEBURGHESI
CONCERTS AVEC PLUSIEURS INSTRUMENTS
n. 3, n. 4, n. 5, n. 6

Orchestra V. Galilei di Fiesole
Enrico Casazza, Maestro di concerto al violino

Terzo e ultimo concerto della stagione dedicato alla musica barocca, in programma alle 21.00 il 12 dicembre nella splendida cornice settecentesca del Ridotto del Teatro.

Realizzato in collaborazione con le Settimane Barocche di Brescia.

MUSICISTI:
Paola Bonora, Michele Podera flauti
Edoardo Rosadini, Enrico Casazza viole
Francesca Lorenzetti, Argentina Becchetti viola da gamba
Thomas Gavazzi cembalo

Orchestra V. Galilei
Violini: Emanuele Brilli*, Silvia Abatangelo, Isacco Burchietti , Enrico Cuculo, Anna Gioria, Sarah Margrethe Lie, Irene Santo
Viole: Anna Avilia, Edoardo Rosadini, Francesco Zecchi
Viole da gamba: Argentina Becchetti, Francesca Lorenzetti
Violocelli: Stefano Aiolli, Duccio Dalpiaz, Anton Marashi
Contrabbasso: Alan Bernardo Infante Peña

* Spalla d’orchestra

PROGRAMMA:
Johann Sebastian Bach
Concerto brandeburghese n. 6 in si bemolle maggiore BWV 1051
[Allegro]
Adagio, ma non tanto
Allegro

Concerto brandeburghese n. 5 in re maggiore BWV 1050
Allegro
Affettuoso
Allegro

Concerto brandeburghese n. 3 in sol maggiore BWV 1048
[Allegro]
Adagio
Allegro

Concerto brandeburghese n. 4 in sol maggiore BWV 1049
Allegro
Andante
Presto