PRESTIGIOSO PREMIO NAZIONALE DELLA CRITICA ALLA FESTA DELL’OPERA

NELL’AMBITO DEL 33° PREMIO ABBIATI, ASSEGNATO IL PRESTIGIOSO “PREMIO SIEBANECK” ALLA FESTA DELL’OPERA

L’Associazione Nazionale dei Critici Musicali ha comunicato i vincitori del 33° Premio Abbiati per l’anno 2013.Nell’ambito della 33a edizione del Premio, la Fondazione del Teatro Grande è risultata vincitrice del prestigioso premio Filippo Siebaneck per il progetto della Festa dell’Opera. Un riconoscimento di grande importanza, per la Fondazione e per tutta la Città, che ancora di più sancisce il forte legame instaurato in questi anni tra il Teatro Grande e il territorio.

La Festa dell’Opera, manifestazione unica in Italia, è un progetto speciale che la Fondazione del Teatro Grande realizza a Brescia dal 2012 e a cui partecipano ogni anno, in un solo giorno e in oltre 50 luoghi del centro e della periferia, decine di migliaia di persone rapite dal fascino del melodramma.
La Festa dell’Opera della Fondazione del Teatro Grande di Brescia nasce dal comune intento del suo Sovrintendente, Umberto Angelini, e del direttore artistico della Stagione d’Opera, Umberto Fanni: attraverso la cultura la Festa dell’Opera vuole interessare trasversalmente tutto il contesto urbano in cui si inserisce, in modo da creare un forte coinvolgimento della città. È un disegno culturale di ampio respiro che si concretizza nella realizzazione di una giornata di festa in tutta la città dedicata alla promozione della cultura e dell’opera, genere musicale che nei secoli ha segnato la storia civile e culturale dell’Italia intera. Un percorso affascinante e suggestivo che riscuote ogni anno un grande successo e che costituisce un modo nuovo e divertente di avvicinarsi al melodramma. È infatti questo uno dei progetti innovativi attraverso i quali la Fondazione cerca di dare tagli diversi alla tradizione per rigenerarla, ripensarla e per ricercare nuovo pubblico, anche tra coloro che non hanno mai avuto occasione di andare a teatro.

“Questo premio è una meritata conferma per il nostro Teatro e per la Fondazione che lo dirige” sottolinea la Vicesindaco e Assessore alla Cultura Laura Castelletti “ma il vero premio, per me, è vedere come la città tutta prenda parte a questa festa con passione, stupore e divertimento. I compartimenti stagni non mi sono mai piaciuti, men che meno nell’ambito della cultura, che per sua definizione non può che essere il campo dell’incontro e del confronto: l’uso di linguaggi, situazioni e luoghi apparentemente del tutto avulsi dalla musica colta – penso ai flashmob nel mercato, all’invasione di stabilimenti e aziende, di case private e negozi, alle performance estemporanee – rende questa iniziativa una straordinaria possibilità di incontro tra pubblici e generi musicali che, forse, senza la Festa dell’Opera non si sarebbero mai incrociati”.

La Festa dell’Opera costituisce inoltre un’importante opportunità per tanti giovani artisti di farsi conoscere nel mondo del melodramma. Un settore, quello dell’opera, che vive oggi, soprattutto in Italia ma anche all’estero, gravissimi problemi tali da metterne in molti casi in dubbio la sopravvivenza.
La Fondazione del Teatro Grande vuole ringraziare per questo prestigioso riconoscimento nazionale tutte le realtà di Brescia e Provincia che, con grande impegno ed entusiasmo, hanno contribuito alla realizzazione delle prime due edizioni della Festa. Un particolare ringraziamento va inoltre rivolto agli oltre cinquecento artisti che nel corso delle ultime due edizioni hanno generosamente e con passione partecipato alla Festa dell’Opera di Brescia e, da ultimo, un pensiero e una dedica di tutti noi a tutti i compositori di quelle meravigliose melodie, senza i quali non avremmo potuto ricevere questo prestigioso riconoscimento.